Scheda
ANIAtraining
ANIApedia
Centro di documentazione sulle catastrofi naturali e la sostenibilitÓ
Percorsi
N_Eu_IT_2022_DGR_38-4_00Legge di stabilitÓ 2023 Regione Sardegna
LivelloOrganismi europei (Eu)
Documenti
PaeseItalia (IT)
Anno2022
Soggetto PromotoreRegione autonoma della Sardegna (RAS)
Tipologia / AbbreviazioneDelibera di Giunta Regionale (DGR)
TitoloLegge di stabilitÓ 2023 Regione Sardegna
Numero38-4
Data07 marzo 2023
Caratteri e fattori di interesseLa delibera 38-4 del 21.12.2022 della Regione Sardegna, tratta gli interventi in materia di transizione energetica e adattamento ai cambiamenti climatici. Approvata dal Consiglio dei Ministri con entrata in vigore il 1░ Gennaio 2023, Ŕ una legge di stabilitÓ che si articola in diversi interventi finalizzati allo sviluppo dell'isola. In particolare, l'articolo 10 nei commi 1 e 2, tratta l'importanza di promuovere l'efficienza energetica e ridurre le emissioni di gas a effetto serra; si parla, inoltre, del tema dell'elettrificazione dei consumi ed efficientamento energetico nelle imprese, prevedendo il sostegno all'efficientamento energetico degli edifici e/o impianti produttivi delle imprese al fine di accompagnarle nel processo di contenimento dell'impatto ambientale dei propri sistemi produttivi, sia attraverso la riduzione dei consumi energetici sia attraverso il recupero di energia e/o la cattura dei gas serra dai cicli produttivi. Tale azione nello specifico potrÓ riguardare il sostegno alla realizzazione di interventi di adeguamento e rinnovo degli impianti ma anche interventi di efficientamento energetico e miglioramento emissivo degli edifici. Si interviene prioritariamente sul tessuto regionale delle micro, piccole e medie imprese. Le grandi imprese saranno coinvolte in progetti sperimentali con particolare riferimento agli interventi da realizzare per la creazione dei distretti energetici nelle aree industriali consortili della Sardegna. Nei commi 3 e 4 si parla, invece, degli interventi a sostegno degli investimenti e del fondo istituito per gestire i rischi climatici ed idrogeologici.
Versione stampabile