Catastrofi naturali - Aniapedia
ANIAtraining
ANIApedia
Centro di documentazione sulle catastrofi naturali e la sostenibilitÓ

Focus on Taxonomy Regulation Delegated

Purtroppo, negli ultimi anni, a causa di una rapida accellerazione del cambiamento climatico, il tema della sostenibilità ha assunto una maggiore rilevanza e ha indotto i governi ad impegnarsi per mitigare tale processo.

Ciò ha portato alla definizione, da parte dei Paesi Europei, di obiettivi comuni da perseguire entro il 2050.

In Italia, così come nelle altre Nazioni dell'Unione Europea, si sta assistendo ad una continua evoluzione del quadro normativo riguardante l'ambiente che prevede l'implementazione di misure e strumenti necessari per il raggiungimento degli obiettivo prefissati.

Questi cambiamenti riguardano anche le imprese assicurative ed è per questo che nel 2021 Ania ha creato “ANIA Exploring SUSTAINIBILITY”. Si tratta di un focus, in lingua inglese, che ha lo scopo di fornire tempestivamente informazioni riguardanti la normativa sulla sostenibilità.

Nell’ambito di questa iniziativa, il 4 febbraio 2022 l'Associazione ha pubblicato il “Focus on Taxonomy Regulation Delegated”.  
Il documento si compone di cinque parti: 

1. TR: Introduction to the Climate Delegated Act.  

Questa sezione introduce le principali normative riguardanti la tassonomia, che sono:
  • Il Regolamento (UE) sulla Tassonomia. La normativa individua i criteri generali che un’attività economica deve soddisfare per essere considerata sostenibile per l’ambiente. Inoltre, il Regolamento impone alla Commissione Europea di elaborare un elenco delle attività sostenibili dal punto di vista ambientale e di definire i criteri di vaglia tecnico per ogni obiettivo ambientale.
  • Il Regolamento Delegato (UE) del 4 giugno 2021 n.2139 che integra il Regolamento sulla Tassonomia. Il documento introduce un set di criteri di vaglia tecnico che permettono di determinare a quali condizioni un’attività economica contribuisce effettivamente alla mitigazione dei cambiamenti climatici e quando non arreca danni ad altri obiettivi ambientali. 
  • Il Regolamento Delegato Complementare (UE) del 2 febbraio 2022. Quest’ultimo include nell’elenco delle attività economiche coperte dalla tassonomia dell’Unione Europea alcune attività specifiche nel settore dell’energia nucleare e del gas.
 

2. TR:Technical Screening Criteria at a glance.

Questa sezione descrive i criteri di vaglia tecnico introdotti dall’articolo 19 del Regolamento sulla tassonomia. I criteri individuati trovano applicazione negli allegati Ie II del Regolamento Delegato sul Clima.

In questi allegati sono indicati i criteri che permettono l’individuazione delle condizioni per le quali si può considerare che un’attività economica contribuisca in modo sostanziale agli obiettivi di mitigazione dei cambiamenti climatici e se non arreca danni ad altri obiettivi ambientali.
Per facilitare l’identificazione delle attività economiche per cui i criteri tecnici di screening sono stabiliti, il Regolamento Delegato sul Clima segue la classificazione statistica delle attività economiche nella Comunità europea, la cosiddetta NACE Revision 2, che è stata istituita dal Regolamento (CE) n.1893/2006. 
 

3. TR: Annex I to the Climate Delegated Act

L’allegato I contiene i criteri di vaglia tecnico che individuano 88 attività economiche che possono essere considerate come Aziende Economiche che forniscono un contributo sostanziale alla mitigazione dei cambiamenti climatici.
Queste attività riguardano 9 settori, che sono:
  1. Forestale;
  2. Attività di tutela e ripristino ambientale;
  3. Produzione;
  4. Energia; 
  5. Approvvigionamento idrico, fognario, gestione dei rifiuti e bonifica;
  6. Trasporto;
  7. Attività edili e immobiliari;
  8. Informazione e comunicazione; 
  9. Attività professionale, scientifica e tecnica.

 

4. TR: Annex II to the Climate Delegated Act

L'allegato II contiene i criteri di vaglio tecnico per determinare a quali condizioni si possa considerare che un'attività economica possa essere considerate come contribuente sostanziale all'adattamento ai cambiamenti climati e se non arreca alcun danno significativo agli obiettivi ambientali. I criteri riguardano i settori dell'allegato I in aggiunta ad altri quattro, che sono:

  1. Attività finanziarie e assicurative;

  2. Formazione scolastica;

  3. Attività di assistenza residenziale;

  4. Arte, intrattenimento e ricreazione.

5. TR: TSC for non-life insurance activities (Part 1 )

All'interno del paragrafo 10 dell'allegato II del Regolamento sulla Tassonomia sono introdotte le attività finanziarie e assicurative. Questo riguarda in particolar modo i servizi di assicurazione (non vita) relativi alla sottoscrizione dei pericoli legati al clima.

Esse sono:

  1. assicurazione spese mediche;
  2. assicurazione protezione del reddito;
  3. assicurazione di compensazione dei lavoratori;
  4. assicurazione sulla responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli;
  5. altre assicurazioni auto;
  6. assicurazione marittima, aeronautica e trasporti;
  7. assicurazione incendio e altri danni ai beni;
  8. assistenza. 

Torna all'elenco