Il PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
ANIAtraining
ANIApedia
Centro di documentazione sulle catastrofi naturali e la sostenibilitÓ

Il PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Italia Domani, Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) presentato dall'Italia, si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro, costituito per circa la metà da sovvenzioni, concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. La principale componente del programma NGEU è il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (Recovery and Resilience Facility, RRF), che ha una durata di sei anni, dal 2021 al 2026, e una dimensione totale di 672,5 miliardi di euro.

 
LE RISORSE DISPONIBILI
Il PNRR prevede investimenti e un pacchetto di riforme, con una allocazione di risorse per 191,5 miliardi di euro finanziate attraverso il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e per 30,6 miliardi attraverso il Fondo complementare istituito con il Decreto Legge n.59 del 6 maggio 2021. Il totale dei fondi previsti ammonta a di 222,1 miliardi. Sono stati stanziati, inoltre, entro il 2032, ulteriori 26 miliardi da destinare alla realizzazione di opere specifiche e per il reintegro delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione. Nel complesso si potrà quindi disporre di circa 248 miliardi di euro. A tali risorse, si aggiungono quelle rese disponibili dal programma REACT-EU che, come previsto dalla normativa UE, vengono spese negli anni 2021-2023. Si tratta di fondi per ulteriori 13 miliardi. Il Piano destina 82 miliardi al Mezzogiorno su 206 miliardi ripartibili secondo il criterio del territorio (per una quota dunque del 40 per cento) e prevede inoltre un investimento significativo sui giovani e le donne.
 
I TRE ASSI STRATEGICI DEL PIANO
Il Piano si sviluppa intorno a tre assi strategici condivisi a livello europeo: 
  • digitalizzazione e innovazione, 
  • transizione ecologica, 
  • inclusione sociale.
 
6 le missioni previste:

 

Missione 1 “Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura”: stanzia  oltre 49 miliardi (di cui 40,3 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 8,7 dal Fondo complementare) con l’obiettivo di promuovere la trasformazione digitale del Paese, sostenere l’innovazione del sistema produttivo, e investire in due settori chiave per l’Italia, turismo e cultura.

  • Il 100% della popolazione connessa entro il 2026; 
  • Connessioni veloci per 8,5 milioni di famiglie e imprese; 
  • “Scuola connessa” per portare la fibra ottica in ulteriori 9.000 scuole; 
  • Connettività a 12.000 punti di erogazione del SSN;
  • Approccio digitale per il rilancio di turismo e cultura
 
Missione 2 “Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica”: stanzia 68,6 miliardi (59,5 miliardi dal Dispositivo RRF e 9,1 dal Fondo) con gli obiettivi principali di migliorare la sostenibilità e la resilienza del sistema economico e assicurare una transizione ambientale equa e inclusiva.
  • Potenziamento riciclo rifiuti: + 55% elettrici, + 85% carta, + 65% plastiche, + 100% tessile; 
  • Riduzione delle perdite di acqua potabile sulle reti idriche; 
  • Ogni anno 50.000 edifici privati e pubblici più efficienti, per un totale di 20 milioni di metri quadrati; 
  • Sviluppo della ricerca e del sostegno dell'uso dell'idrogeno nell'industria e nei trasporti
 
Missione 3 “Infrastrutture per una Mobilità Sostenibile”: dall’importo complessivo di 31,5 miliardi (25,4 miliardi dal Dispositivo RRF e 6,1 dal Fondo). Il suo obiettivo primario è lo sviluppo di un’infrastruttura di trasporto moderna, sostenibile ed estesa a tutte le aree del Paese.
  • Modernizzazione e potenziamento delle ferrovie regionali;
  • Tempi ridotti sulle tratte ferroviarie: Roma-Pescara di 1h20 - Napoli-Bari di 1h30 - Palermo e Catania di 1h - Salerno-Reggio Calabria di 1h; 
  • Investimenti sui porti verdi
 
Missione 4 “Istruzione e Ricerca”: stanzia complessivamente 31,9 miliardi di euro (30,9 miliardi dal Dispositivo RRF e 1 dal Fondo) con l’obiettivo di rafforzare il sistema educativo, le competenze digitali e tecnico-scientifiche, la ricerca e il trasferimento tecnologico.
  • 228.000 nuovi posti in asili nido per bambini fra 0 e 6 anni; 
  • 100.000 classi trasformate in connected learning environments; 
  • Ristrutturazione di scuole per 2,4 milioni di metri quadrati; 
  • Cablaggio di 40.000 edifici scolastici; 
  • 6.000 nuovi dottorati a partire dal 2021
 
Missione 5 “Inclusione e Coesione”: prevede uno stanziamento complessivo di 22,6 miliardi (di cui 19,8 miliardi dal Dispositivo RRF e 2,8 dal Fondo) per facilitare la partecipazione al mercato del lavoro, anche attraverso la formazione, rafforzare le politiche attive del lavoro e favorire l’inclusione sociale.
  • Un programma nazionale per garantire occupabilità dei lavoratori (GOL); 
  • Un 'Fondo Impresa Donna' a sostegno dell'impresa femminile; 
  • Più sostegni alle persone vulnerabili, non autosufficienti e con disabilità; 
  • Investimenti infrastrutturali per le Zone Economiche Speciali
 
Missione 6 “Salute”: stanzia complessivamente 18,5 miliardi (15,6 miliardi dal Dispositivo RRF e 2,9 dal Fondo) con l’obiettivo di rafforzare la prevenzione e i servizi sanitari sul territorio, modernizzare e digitalizzare il sistema sanitario e garantire equità di accesso alle cure.
  • 1.288 nuove Case di comunità e 381 ospedali di comunità per l'assistenza di prossimità; 
  • Fornire assistenza domiciliare al 10% degli over 65; 
  • 602 nuove Centrali Operative Territoriali per l'assistenza remota; 
  • Oltre 3.133 nuove grandi attrezzature per diagnosi e cura
 
Il Piano prevede inoltre un ambizioso programma di riforme, per facilitare la fase di attuazione e più in generale contribuire alla modernizzazione del Paese e rendere il contesto economico più favorevole allo sviluppo dell’attività di impresa:
  • Riforma della Pubblica Amministrazione per dare servizi migliori, favorire il reclutamento di giovani, investire nel capitale umano e aumentare il grado di digitalizzazione.
  • Riforma della giustizia mira a ridurre la durata dei procedimenti giudiziari, soprattutto civili, e il forte peso degli arretrati.
  • Interventi di semplificazione orizzontali al Piano, ad esempio in materia di concessione di permessi e autorizzazioni e appalti pubblici, per garantire la realizzazione e il massimo impatto degli investimenti.
  • Riforme per promuovere la concorrenza come strumento di coesione sociale e crescita economica.
 
Con il contributo delle azioni previste dal PNRR, il Governo prevede che nel 2026 il Pil sarà di 3,6 punti percentuali più alto rispetto a uno scenario di base che non include l’introduzione del Piano. 
 
Per saperne di più

Torna all'elenco